Che cos’è l’umidità nelle costruzioni?

La parola umidità è usata per descrivere molti effetti di diversa natura. La parola stessa sembra descrivere una situazione ma con molteplici cause scatenanti, pertanto non descrive nulla di preciso. Potremmo usare una definizione comune per inquadrare il fenomeno dell’umidità nelle costruzioni e poi analizzare le varie cause che lo generano: acqua assorbita da parte di un manufatto lapideo.

L’umidità nelle costruzioni

Vediamo cosa può generare l’assorbimento di acqua, quindi umidità nelle costruzioni:

  • Capillarità, ovvero l’assorbimento di acqua di falda dalle fondazioni, in mancanza di uno strato impermeabile posizionato alla base del muro in fase di costruzione. Il muro risulta bagnato all’interno come in superficie.
  • Condensazione: i muri e la copertura non hanno isolamento termico quindi la temperatura interna è differente da quella esterna. Se abbiamo l’interno di casa caldo e fuori fa freddo si genera  un velo di acqua che bagna la superficie interna del muro, con muffe e sgretolamenti dell’intonaco.
  • Infiltrazioni da danneggiamento del manto impermeabile: situazione transitoria di umidità in quanto legata a un danno meccanico della copertura. L’acqua, in pratica, si infiltra. Una volta però riparato il danno, il soffitto da cui filtrava l’acqua si asciugherà. A quel punto saranno solo necessari interventi di natura estetica per risolvere definitivamente la problematica.

Lascia un commento