Come risolvere il problema dell’umidità di capillarità?

Barriera chimica iniettata a pompa

Come spiegato nel precedente articolo, il fenomeno dell’umidità di capillarità è diffusissimo. Per la risoluzione di questo problema che grava sui muri delle costruzioni, il mercato offre svariati sistemi, molti dei quali però risultano inefficaci (lo dimostrano i risultati).


I sistemi, realmente in grado di risolvere la risalita capillare dell’acqua, sono:

  • Taglio meccanico, con tutti i limiti che tale lavorazione ha per via dello scollegamento del muro alla sua base e con le limitazioni nel suo utilizzo da parte dei regolamenti edilizi di alcune località per via della sismicità della zona;
  • La barriera chimica: consiste nel fare assorbire un liquido idrorepellente alla base del muro che impedirà la risalita dell’acqua.

Quali tipologie di barriera chimica esistono per contrastare l’umidità di capillarità?

  • La barriera chimica a caduta è la forma più economica ma anche la meno efficace, poiché realizzata con contenitori che fanno percolare il liquido idrorepellente solo per pressione gravitazionale. L’impermeabilizzazione, di conseguenza, avverrà solo in prossimità dei fori realizzati nel muro per iniettare il liquido. Non va tralasciato che la struttura trattata sarà satura di acqua e quindi la sua capacità di assorbire un liquido per caduta e senza pressione sarà pressoché nulla. Il liquido idrorepellente finirà perciò per disperdersi nelle crepe del muro, senza produrre grandi benefici. Il sistema a caduta può considerarsi un metodo per il “fai da te” o per quelle imprese che eseguono lavori “una tantum” e non si attrezzano;
  • Barriera chimica iniettata a pompa: è un sistema professionale per creare barriere chimiche, applicate mediante pompe da iniezione che possono arrivare ad elevate pressioni. Le pompe, preferibilmente a pistone pneumatico, riescono a espellere l’acqua presente nel muro e far occupare questi spazi dall’idrofobizzante. Questa tipologia di impermeabilizzazione elimina definitivamente il problema dell’umidità.

3 risposte a “Come risolvere il problema dell’umidità di capillarità?”

Lascia un commento